Percorsi


Indifferente alle mode e alle definizioni, nelle vita come nel lavoro, Silvana Pintozzi è una nomade :
vive tra due paesi – l’Italia la terra madre che nutre la sua forza creatrice e la Francia, la terra
d’adozione culturale, che inquadra e razionalizza questa forza – e ha scelto la pittura come sintesi di
differenti esperienze artistiche – scrittura, scenografia, fotografia e film documentario – con un
unico filo conduttore, il bisogno di fissare la vita in immagini. La sua pittura oscilla continuamente
tra evocazione e trompe-l’oeil, vuoto e pieno, chiaro e scuro, detto e non detto, da cui il soggetto
finisce per emergere come stupito della sua stessa esistenza.
Ha esposto, tra l’altro, ad Avignone, Marsiglia, Uzès, Grosseto e Arcidosso.